';

Dermatologia

L’Istituto si è costituito secondo gli standard di una innovativa struttura internazionale di ricerca, insegnamento e assistenza.

l’Istituto di Scienze Dermatologiche e Rigenerative  di Firenze è la più avanzata risposta ad ogni problema di tipo Dermatologico  , Dermato-oncologico  , Dermato-allergologico , Psicosomatico, Infettivologico  e di prevenzione e cura Estetica Medica e Chirurgica.

Esami

La dermatoscopia o epiluminescenza è una tecnica non invasiva rivolta alla diagnosi precoce del melanoma basata su uno strumento ottico chiamato dermatoscopio che permette di osservare patterns sub-cutanei non visibili ad occhio nudo favorendone il riconoscimento.

La biopsia è un esame medico diagnostico che consiste nel prelievo da un organismo vivente di una porzione o di un frammento di tessuto per essere analizzato al microscopio o anche con tecniche di microbiologia o biologia molecolare.

L’esame istologico consiste nell’analisi al microscopio di un frammento di tessuto del tuo corpo e serve a studiarne le cellule che lo compongono. Per prelevare il frammento, devi essere sottoposto ad un piccolo intervento, detto biopsia; il frammento viene poi conservato per non alterare le caratteristiche delle cellule.

L’esame micologico è uno degli esami più importanti per rilevare la presenza di funghi o miceti su determinate parti del corpo.

La visita immunologica è rivolta al paziente affetto da malattie caratterizzate da un’alterazione del sistema immunitario quali malattie autoimmuni, malattie autoinfiammatorie, immunodeficienze e malattie allergiche. Il medico, dopo la visita clinica, prescrive gli esami più utili alla diagnosi della malattia e pianifica la cura più adatta al caso.

Trattamenti

L’asportazione dermo-chirurgica è una tecnica che ha come obiettivo l’eliminazione delle patologie della pelle non curabili con terapie meno invasive. Il chirurgo dermatologo è in grado di “dosare” sapientemente l’azione chirurgica in rapporto alla sede, alla tipologia e ai rapporti anatomici delle lesioni da trattare, eliminandole completamente nel modo più adeguato ed efficace.

La terapia fotodinamica o PDT viene utilizzata per il trattamento di alcune lesioni della cute, tumorali e non, in grado di distruggere selettivamente le cellule alterate.

In particolare, viene impiegata per il trattamento di lesioni infiammatorie (acne giovanile, malattie del cavo orale e genitale), infezioni virali (verruche, condilomi, molluschi contagiosi), lesioni ulcerative, lesioni tumorali e pre-tumorali (cheratosi attiniche, epiteliomi basocellulari superficiali, Morbo di Boyen).

La mappatura dei nei è una visita dermatologica attraverso la quale il dermatologo ha la possibilità di visualizzare e memorizzare su un computer le immagini delle strutture pigmentate, migliorando l’accuratezza diagnostica e verificando se abbiano subito nel tempo un cambiamento di forma e colore.

La mappatura dei nei con dermoscopia è assolutamente indolore e dura circa 30 minuti.

Trattamenti laser alba

Luce UVA è utilizzato con il farmaco topico psoralen, che viene applicato alle aree di vitiligine prima del trattamento di luce. Psoralen sensibilizza la pelle alla luce UVA, quindi il trattamento luce funziona specificamente sulle zone della pelle colpite da vitiligine.

Questa terapia è utilizzata quando meno del 20 per cento della superficie della pelle è influenzata da vitiligine.

La psoriasi si cura con uno stile di vita corretto e la giusta terapia, con una diagnosi precoce e con apparecchiature Laser di ultima generazione: Il raggio viene focalizzato da una fibra ottica sulla zona da trattare con sedute rapidissime (pochi minuti), ottimizzando i risultati, senza effetti collaterali e complicanze, eliminando le radiazioni dannose e trattando esclusivamente la zona malata.

L’uso di luce ultravioletta in terapia della eczema può aiutare a gestire i sintomi e prurito di eczema. L’uso di luce può aiutare a sopprimere le cellule della pelle iperattive che causano l’infiammazione e irritazione associati con eczema. Terapia della luce utilizza la luce ultravioletta per ridurre le cellule che causano l’eczema, e la terapia della luce aiuta a gestire i sintomi eczema e ridurre il prurito intenso che è associato con dermatite atopica.

È un linfoma a cellule T in genere a basso grado di malignità di cui si distinguono stadi evolutivi diversi in base alla morfologia delle lesioni. Si inizia con chiazze arrossate e desquamanti in passato spesso confuse con la Psoriasi.

Per questo aspetto clinico la fase iniziale della micosi fungoide è nota con il nome di Parapsoriasi.

Con il tempo le chiazze iniziali confluiscono in placche di colore rosso violaceo che spesso hanno un’aspetto figurato. In fase avanzata compaiono noduli rosso violacei che tendono a aumentare di volume con il tempo e vanno incontro successivamente a ulcerazione.

Per la diagnosi è necessario un esame istologico e immunocitochimico.

Il Lupus Eritematoso è una complessa malattia a patogenesi autoimmunitaria, dipendente da fattori genetici, immunologici e ambientali. Sono note numerose forme cliniche diverse tra queste il Lupus Eritematoso Cutaneo Cronico con chiazze arrossate e ipercheratosi follicolare, discromie e teleangectasie.

Le altre forme più comuni sono il Lupus Eritematoso Cutaneo Disseminato, Lupus Eritematoso Cutaneo Profondo (Panniculite Lupica) e il Lupus Eritematoso Cutaneo Subacuto con le sue varietà psoriasiformi e anularipolicitiche.

La diagnosi clinica necessita di conferma con indagini istologiche e immunoflorescenza diretta sia su cute lesionale che su cute apparentemente sana fotoesposta (Lupus Band Test).

Il Liche Planus è una dermatosi papulosa a patogenesi autoimmune che colpisce sia la cute che le mucose. Le papule sono poligonali, lucide, spesso con strie biancastre e qualche volta ad evoluzione ulcerativa. Esistono numerose variante cliniche del Lupus fra cui la forma pigmentosa, striata, bollosa, follicolare, ipertrofica e attinica.

Di particolare rilievo la varietà Sclerotrofica che può colpire sia i genitali che la cute specie a livello del cuoi capelluto. (fig)

Spesso anche le unghie vengono colpite in corso di Lichen.

L’alopecia areata è un disturbo relativamente comune di natura autoimmunitaria con forte componente psico neuro endocrino immunologica. Essa si manifesta con una o più chiazze priva di capelli o di peli a alimiti netti e senza segni d’infiammazione.

Molto rilevante è la presenza del capello a “punto eslamativo”. Spesso il disturbo si associa ad altre malattie autoimmuni o evolve in forme più ampie fino alla Allopecia totale e universale.

Trattamenti laser erbio

Il Laser consiste in un fascio di potente energia che viene trasferita attraverso il derma all’interno dei tessuti. Il Laser viene utilizzato dal chirurgo plastico come un bisturi per correggere differenti tipi di imperfezioni. Esso genera un raggio che viene assimilato in modo selettivo dall’acqua presente nell’ epidermide: l’acqua viene quindi trasformata in vapore, consentendo la rimozione della lesione interessata a strati successivi senza danni al tessuto circostante.

Attraverso l’impulso del laser è possibile distruggere istantaneamente le verruche con la massima precisione. Il laser infatti agisce aumentando la temperatura esclusivamente delle particelle acquose dei tessuti con cui viene a contatto, non intaccando le aree circostanti e permettendo l’eliminazione della verruca non lasciando traccia.

Laser garantisce risultati ottimali e sicuri e gli interventi di rimozione delle verruche sono assolutamente rapidi, sicuri e minimamente invasivi.

L’uso di luce ultravioletta in terapia della eczema può aiutare a gestire i sintomi e prurito di eczema. L’uso di luce può aiutare a sopprimere le cellule della pelle iperattive che causano l’infiammazione e irritazione associati con eczema. Terapia della luce utilizza la luce ultravioletta per ridurre le cellule che causano l’eczema, e la terapia della luce aiuta a gestire i sintomi eczema e ridurre il prurito intenso che è associato con dermatite atopica.

Il Melasma erroneamente definito con Cloasma è una comune ipercromia cutanea e talora mucosa spesso associata all’uso di ormoni estrogeni anche assunti sottoforma di pillola anticoncezionale o conseguente alla gravidanza.

Si presentano ipercromie normalmente a livello del volto con distribuzione a croce greca. La luce dei Wood permette spesso di valutare la varietà (superficiale, profonda, ipervascolare) del melasma che oggi viene con successo trattato in modo differenziato a seconda della varietà clinica.

L’intervento si svolge normalmente in anestesia locale, utilizzando il laser per rimuovere i papillomi.

Il Milium è una microscopica cisti cutanea a contenuto cheratinico usualmente di colorito bianco. Esso raggiunge in genere dimensioni massime di 2 — 3 mm di diametro e può essere semplicemente asportato dalla superficie cutanea.

Il laser produce una luce assorbita dall’acqua, poiché la pelle contiene circa il 75-80% d’acqua, la quasi totalità del raggio laser viene assorbita e provoca la vaporizzazione degli strati più superficiali dell’epidermide con un effetto di rinnovamento e turgore maggiore nelle aree trattate.

Lo Xantelasma è un’accumulo di colesterolo normalmente non pruriginoso che si deposita in corrispondenza delle palpebre e non interferisce con la vista. Spesso si associa ad aumento dei livelli del colesterolo del sangue, a diabete o a Ipotreodismo. Le lesioni possono essere facilmente rimosse con ablazione con laser o asportazione chirurgica.

  • Laser frax
    Una pelle più liscia, fresca e dall’aspetto più giovane

    Il laser Frax stimola la rigenerazione del collagene profondo e dell’elastina dei tessuti, mentre circa il 20% della superficie della tua pelle si rigenera con ogni terapia. Il laser Frax rimodella il collagene senza danneggiare la superficie della pelle, rendendola più liscia, più fresca e dall’aspetto più giovane con tempi di recupero da minimi a nulli. Il laser Frax produce tutti i miglioramenti associati alle procedure laser ablative ma senza nessuna interferenza significativa con le attività quotidiane.

  • Laser herbium
    Meno effetti collaterali

    Laser emette una luce grandemente assorbita dall’acqua. La pelle contiene circa il 75-80 % d’acqua perciò questo tessuto assorbe per la quasi totalità il raggio laser che provoca la vaporizzazione degli strati più superficiali dell’epidermide. E’ un laser molto più delicato del CO2 e comporta un periodo postoperatorio più rapido. A guarigione ultimata l’aspetto della pelle è decisamente modificato: cute nuova, fresca, rosata, delicata e vellutata; le rughe molto attenuate,spesso scomparse, la tessitura della pelle è morbida e la consistenza decisamente aumentata.